Non abbiamo cookies, non sappiamo neppure cosa sono.
ritorna Home

elimina
la testata


Aggiornamenti
Settimanali
Iscriviti


Link to lectures

Quì e Ora

Doppio zero

 

Militant-blog



La terra brucia!


2ª Marcia Mondiale per la Pace
e la Nonviolenza

La Plastica
inquina i mari

Le invasioni di Al Aqsa
sono ormai quotidiane

Link to action


Tavolo ICP


CCP in Kosovo

ICSSI dall'Iraq

Rosa Schiano da Gaza

Op.Col. da Tuwani

BDS italia.org

Raccogliendo la Pace


Freedom Flotilla

 

Overseas - Baladi



L’unico ghetto ebraico
in Medio Oriente

di Gilad Atzmon

 

I risultati delle elezioni israeliane di martedì scorso hanno confermato ciò che molti di noi sapevano già da molto tempo. Lo stato ebraico è una palude dell’ultra destra nazionalista. Israele è più falco e più falco che mai. Non esiste più un solo partito ebraico israeliano di sinistra.


La fine di Israele

di Gilad Atzmon

La lezione da trarre dall’attuale stallo politico israeliano è che Israele sta implodendo, rompendo gli elementi che non è mai riuscito a integrare. Non è più la dicotomia quotidiana di Ashkenazi contro Sephardim; questa divisione è ideologica, religiosa, spirituale, politica, etnica e culturale.





La lezione iraniana e i fallimenti di bin Salman

di Alberto Negri

L’attacco agli impianti petroliferi sauditi è la più potente umiliazione subita dal Regno delle Due Spade degli ultimi settant’anni, ancora maggiore dell’attacco alla Mecca di 40 anni fa, quando nel 1979 gli insorti guidati dal predicatore Al Otaybi ingaggiarono due settimane di battaglia nel luogo simbolo dell’Islam con oltre 250 morti. Questa volta è ancora più grave perché il regime saudita, capeggiato dal figlio del re il principe Mohammed Bin Salman, è stato colto di sorpresa, le sue difese vìolate nel cuore pulsante della sua unica ragione economica, e forse politica, di esistere: il petrolio.