Ottobre 2, 2019

 

Viaggiare gratis lavorando (poche ore)
in fattoria: si chiama ‘wwoofing’ ed ecco come si fa

di Livia Liberatore

 

Vitto e alloggio in cambio di poche ore di lavoro agricolo giornaliero. Non è una moda passeggera per viaggiatori alternativi ma un trend che ogni anno, con la crisi economica e la più diffusa consapevolezza “green”, ha più partecipanti. Lo dimostrano i numerosi siti da cui fare domanda per fare esperienze di lavoro in fattoria, in tutto il mondo. Alcuni propongono vere posizioni retribuite, di lunga durata o con un impegno di pochi mesi, con l’aggiunta di vitto e alloggio.

16/08/2019

 

“Green Autarky”: autosufficienza contro capitalismo industriale

di Robin Monotti Graziadei 

 

«Coloro che vogliono la “crescita” in quel senso sono coloro che la producono; sono gli industriali. E, poiché in Italia la “crescita” è questo tipo di crescita, essi sono più esattamente quegli industriali che producono beni superflui. La tecnologia (scienza applicata) ha creato la possibilità di un’industrializzazione praticamente illimitata, di un carattere solidamente transnazionale. I consumatori dei beni superflui, dalla loro parte, irrazionalmente ed inconsapevolmente concordano nel volere la “crescita” (questa crescita).

16 Giugno 2019

 

Uscita dal cul-de-sac

di Chris Carlsson

 

Per troppi anni abbiamo pensato che per cambiare il mondo fosse necessario conquistare il Palazzo d’Inverno. Oggi sappiamo che non è così. Resta la domanda: dove è possibile ritrovare potenzialità rivoluzionarie? “Penso che il tipo di rivoluzione che cerchiamo sia qualcosa che accade ogni giorno – scrive Chris Carlsson -, dove i semi di una nuova vita germogliano nelle pratiche quotidiane di solidarietà e mutualismo, nella cura reciproca e del mondo naturale… Ogni atto di gentilezza, di attività non remunerata ma utile e di difesa della natura, è parte di una rivoluzione più profonda che sta arrivando. 

13-06-2019

 

A Roma un orto urbano per ogni quartiere: il progetto

 

L'idea è del gruppo Zappata Romana, che partecipa alla selezione dei progetti finanziabili da parte del Comune di Roma. La proposta che l'associazione avanza è quella di promuovere la realizzazione di un orto urbano per ogni quartiere dela capitale. E i cittadini possono votare.


24/05/2019

 

Massimo Angelini, il filosofo della terra che ha reso libero lo scambio dei semi

di Daniel Tarozzi

 

Massimo Angelini… Massimo Angelini è una persona talmente speciale che non basta una storia per raccontarla e infatti abbiamo deciso di dedicargliene due. Massimo Angelini è un uomo che ha talmente tante cose da dire che l’ho dovuto intervistare tre volte prima di scrivere questo articolo. Massimo Angelini è un attore del cambiamento talmente poliedrico che è praticamente impossibile definirlo. Ma ci proverò lo stesso.


10-05-2019

 

Possiamo cambiare il nostro mondo e la nostra vita lasciandoci alle spalle le paure

di Paolo Ermani  

 

«Ho incontrato il passato e l'ho ringraziato per tutte le esperienze che mi hanno permesso di crescere, ho cominciato a vivere il presente, immaginato il futuro e compreso chi sono, cosa voglio e cosa mi manca»: sono le parole di Alessandra, che nello scorso mese di marzo ha partecipato al corso "Cambiare vita e lavoro" che si è tenuto in Umbria.

08-05-2019

 

Pardés, un manuale per sognatori pratici

di Marìca Spagnesi  

 

Un podcast, ma soprattutto una comunità di persone che hanno fatto del dialogo, del confronto e dell'ascolto un obiettivo comune irrinunciabile: vi parliamo di Pardés, anche noto come "manuale per sognatori pratici".

26-04-2019

 

Cambiare vita e lavoro prima che sia troppo tardi

di Paolo Ermani  

 

Tutti i nodi stanno venendo al pettine, tutti i dati che riguardano effetto serra e cambiamenti climatici si stanno dimostrando per quello che sono, cioè catastrofici. Occuparsi dei cambiamenti climatici non significa perdere tempo, è ormai chiarissimo. Significa lottare per sopravvivere

Gli Appennini, Giono e i contadini che cambiano il clima

di Gian Luca Diamanti

 

Era il 1938 quando Jean Giono, quello dell’Ussaro sul tetto e de L’uomo che piantava gli alberi, scrisse una lunga Lettera ai contadini sulla felicità, la povertà e la pace.

Giono, che amava e rispettava la natura più di ogni altra cosa, in questa lettera non parla di mutamenti climatici o di buco nell’ozono. Non esistevano ancora. Ma parla lucidamente di tutto quello che ha dato origine a questi guai enormi con i quali ci confrontiamo oggi.

Nessuno lo ascoltò, come quasi mai sono stati ascoltati gli ambientalisti radicali, fuori dalle lobbies.

15-02-2019

 

Società allo sfascio: serve l’azione individuale e collettiva per creare luoghi liberi di resilienza

di Paolo Ermani  

 

Per lasciarsi alle spalle il sistema che ormai collassa su se stesso fagocitando le persone, occorre creare e alimentare sempre più gruppi e aree di resilienza, condivisione, autosufficienza e nuove relazioni. Si può!

12-02-2019

 

Dall’agricoltura che distrugge la natura a quella del non fare: il grande insegnamento di Fukuoka

di Paolo Ermani  

 

Molti grandi maestri hanno indicato strade alternative in diversi campi e uno di questi è senz’altro Masanobu Fukuoka, agricoltore giapponese vissuto dal 1913 al 2008 che ha rivoluzionato l’idea stessa di agricoltura.

11/02/2019

 

La comunità come soluzione alle storture della globalizzazione

di Roberto Siconolfi

 

La globalizzazione è un ineludibile processo di interrelazione tra le diverse aree del globo terrestre. Un processo al quale non ha senso opporsi e tutto sommato non sarebbe neanche utile, in quanto portatore di un meccanismo di scambi economici e tecnici, e di relazioni geopolitiche che sono fondamentali per l’umanità.

9 Febbraio 2019

 

Il tempo dei beni comuni 

Paolo Cacciari

 

Introdurre nel diritto il concetto di beni comuni significa rafforzare e moltiplicare le sperimentazioni di forme di autogestione delle comunità afferenti a quei beni. La proposta di legge Rodotà è un buon ariete

07-02-2019

 

Un secolo fa moriva il padre dell'ecologia

di Pietro Greco  

 

L’ecologia è «la scienza dell’insieme dei rapporti degli organismi con il mondo circostante, comprendente in senso lato tutte le condizioni dell’esistenza», scriveva nel 1866 il tedesco Ernst Haeckel. Creando un nome e una scienza. Haeckel è morto nel 1919, un secolo fa. E nel frattempo...

01-02-2019

 

L’abbondanza miracolosa che cambierà il mondo

di Paolo Ermani  

 

I media mainstream continuano a dispensare informazioni superficiali, inutili e funzionali al sistema; intanto c'è chi si dà da fare per realizzare rivoluzioni pacifiche, partendo dal quotidiano e riuscendo a fare grandi cose!