L’unico ghetto ebraico
in Medio Oriente

di Gilad Atzmon

 

I risultati delle elezioni israeliane di martedì scorso hanno confermato ciò che molti di noi sapevano già da molto tempo. Lo stato ebraico è una palude dell’ultra destra nazionalista. Israele è più falco e più falco che mai. Non esiste più un solo partito ebraico israeliano di sinistra. Il Partito Democratico è presieduto e guidato da un criminale di guerra. Quello che resta del Partito Laburista israeliano ha ben poco a che vedere con la pace, l’armonia e la riconciliazione. In realtà, anche questo partito è guidato da una persona ricercata per crimini di guerra.

La fine di Israele

di Gilad Atzmon

 

La lezione da trarre dall’attuale stallo politico israeliano è che Israele sta implodendo, rompendo gli elementi che non è mai riuscito a integrare. Non è più la dicotomia quotidiana di Ashkenazi contro Sephardim; questa divisione è ideologica, religiosa, spirituale, politica, etnica e culturale.

Perché Israele non può essere definito uno Stato democratico

di Joseph Massad

 

La ‘democrazia’ in Israele è stata instaurata per gli ebrei dopo che i sionisti hanno espulso il 90% dei palestinesi

Bibliografia citata

Gli ebrei Ashkenazi rappresentano lo 0,2% della popolazione mondiale, nonchè il 27% dei premi Nobel del XX° secolo, e la metà dei campioni mondiali di scacchi.



Un ebreo con la bava alla bocca ha aggredito l’ambasciatore polacco in Israele E’ accaduto  a Tel Aviv martedì 14 maggio 2019. 

E’ ORA DI INCRIMINARE ISRAELE  

di Norman Finkelstein, Sara Hossain e Amy Goodman