La lezione iraniana
e i fallimenti di bin Salman

di Alberto Negri

 

L’attacco agli impianti petroliferi sauditi è la più potente umiliazione subita dal Regno delle Due Spade degli ultimi settant’anni, ancora maggiore dell’attacco alla Mecca di 40 anni fa, quando nel 1979 gli insorti guidati dal predicatore Al Otaybi ingaggiarono due settimane di battaglia nel luogo simbolo dell’Islam con oltre 250 morti. Questa volta è ancora più grave perché il regime saudita, capeggiato dal figlio del re il principe Mohammed Bin Salman, è stato colto di sorpresa, le sue difese vìolate nel cuore pulsante della sua unica ragione economica, e forse politica, di esistere: il petrolio.

Il misterioso attacco con droni a Beirut…. Che c’è nella capitale libanese?

by Fabio Lugano

 

In Medio Oriente l’atmosfera si sta caricando di tensione, dopo che Israele ha minacciato Hezbollah di una fortissima rappresaglia militare in caso di attacco, minacciando un’altra invasione come quella del 2006. Poi ci sono gli attacchi misteriosi.

Il misterioso attacco
con droni
a Beirut….
Che c’è nella capitale libanese?

by Fabio Lugano

 

In Medio Oriente l’atmosfera si sta caricando di tensione, dopo che Israele ha minacciato Hezbollah di una fortissima rappresaglia militare in caso di attacco, minacciando un’altra invasione come quella del 2006. Poi ci sono gli attacchi misteriosi.


Guerra più vicina 
dopo i raid aerei 
israeliani

di Michele Giorgio

 

Forti reazioni arabe dopo l’ondata di attacchi aerei che Israele ha messo a segno nel giro di poche ore in Siria, Libano, Iraq e Gaza. Netanyahu lancia nuovi avvertimenti a Tehran e guarda con sospetto a un possibile dialogo tra Trump e Rohani

È morto l’ex presidente Morsi

 

Il leader islamista, nel 2012 primo capo di stato ad essere stato eletto democraticamente in Egitto, sarebbe morto di infarto durante un’udienza del suo processo che stava avendo luogo al Cairo. Era stato deposto nel 2013 dal golpe di al-Sisi


Cosi Foad Aodi Fondatore dell’Amsi (Associazione Medici di Origine Straniera in Italia) e delle Co-mai (Comunità del Mondo Arabo in Italia) e Consigliere dell’Omceo di Roma, in continuo contatto con i colleghi libici, comunica l’ultimo tragico bilancio in Libia: “Dal 4 aprile 2019 in Libia ad oggi, 22.05 ore 08.00, si registrano 660 decessi, tra cui 152 bambini e 163 donne (82 a seguito di violenze sessuali). Si contano anche 4.100 feriti di cui 500 gravi e 80.000 sfollati di cui il 45% donne e il 35% minorenni. leggi quì



I nuovi territori di Daesh

di  Thierry Meyssan


Il sangue
che scorre a Tripoli

Finché non risorgeremo

di Padre Enzo Fortunato

Direttore sala stampa Sacro Convento
di Assisi

La guerra in Libia è frutto del cambio di regime
Usa-Nato

di Tony Cartalucci